English (UK)ItalianIT

Cataloghi

copertina Tutte le ragioni della caducitaTHE GRAFT - Confini tra esperienza e immaginazione
di Alessandro Trabucco

Con la serie “The Graft”, Aqua Aura inizia l’esplorazione di un nuovo percorso di ricerca che, pur in un continuum evolutivo con le ultime creazioni della precedente serie di paesaggi intitolata “Frozen Frames”, lo sta portando a proporre nuove prospettive e punti di vista nel suo incessante cammino di approfondimento sul rapporto tra vero e plausibile, illusione e realtà, visibile e invisibile.

copertina TheGraftTHE GRAFT - Shomèr ma mi làyla? La concezione rizomatica del pensiero vs una concezione arborescente
Testi e catalogo a cura di Gaia Serena Simionati

Quando nel 2010, in aereo verso New York, per la prima volta di sette, ho visto Inception, sono rimasta scioccata. La sceneggiatura del film, scritta da Christopher Nolan a più strati, come i sogni da penetrare dal team di estrattori, pare abbia richiesto 10 anni. Diretto e prodotto dalla sua intuizione, il film è complesso, quasi del tutto inintelligibile...

Posted in Cataloghi

copertina AQUA AURA 20

AQUA AURA 2.0

PageNotFound Vol. 3

AA.VV.
Vanillaedizioni

02-copertina-Frozen-Frames

Vacant Scenery
Vacant Scenery: scenes of the mind
di Livia Savorelli

A modern storyteller in images, Aqua Aura floats with masterly ease through space, represented by that creative magma offered by new technologies.

copertina-Bouidoir

Boudoir
L’intimità dello sguardo
di Alessandro Trabucco

Il boudoir è una stanza, una suite privata, ben nascosta da sguardi indiscreti, un mondo privato e ovattato che isola uno spazio intimo dall’esterno e dentro il quale vigono o si costruiscono relazioni e modalità che rimangono conchiuse in esso.

02-copertina-Frozen-Frames

Frozen Frames
Testo critico di Alessandro Trabucco

“Noi osserviamo solo qualche particolare dei processi, la vibrazione di una sola corda in un’orchestra sinfonica di supergiganti, e per di più sappiamo (sappiamo senza riuscire a concepirlo) che sopra e sotto di noi, in abissi vertiginosi che superano i limiti della vista e dell’immaginazione, avvengono contemporaneamente altre trasformazioni, a migliaia, a milioni, collegate fra loro, come il contrappunto lega le note.”

01-copertina-Portraits-SurvivantsPortraits Survivants
di Alessandro Trabucco

Davanti all’obiettivo, io sono contemporaneamente: quello che io credo di essere, quello che vorrei si creda io sia, quello che il fotografo crede io sia, e quello di cui egli si serve per far mostra della sua arte.”

Roland Barthes, La camera chiara